In che modo il trauma influisce sui sogni

I sogni spesso riflettono ciò che vediamo e sentiamo mentre siamo svegli, quindi dopo un'esperienza traumatica è comune avere incubi e sogni ansiosi. Il contenuto di questi sogni disturbati spesso incorpora sentimenti e sensazioni simili a quelli vissuti durante il trauma.

Perché il trauma influisce sui sogni?

Sebbene non vi sia un ampio consenso sul motivo per cui il trauma colpisce i nostri sogni, gli scienziati si sono a lungo interrogati su questa connessione. Sigmund Freud, il fondatore della psicoanalisi, ha offerto una prima prospettiva, suggerendo che i sogni consentono una visione nell'inconscio. Propose che i sogni proteggessero il sonno contenendo l'ansia associata ai desideri repressi.

Ipotesi successive sono state sviluppate in risposta a incubi ripetitivi vissuti da veterani di guerra . I ricercatori pensavano che i sogni permettessero alle persone di rivisitare e tentare di superare vecchi traumi. Gli incubi sono stati spesso visti come un fallimento nell'elaborare o padroneggiare il trauma. Altri ricercatori pensavano che gli incubi fossero un modo in cui la mente trasformava la vergogna associata all'evento traumatico in paura.



Sebbene la scienza abbia fatto molta strada dai tempi di Freud, le ipotesi più recenti sono sorprendentemente coerente con queste prime idee . Molti neuroscienziati e psicologi credono che i sogni aiutino a integrare le nostre esperienze nella memoria a lungo termine, un processo chiamato consolidamento della memoria . Quando le nostre esperienze sono traumatiche, i sogni possono riflettere i tentativi del corpo di farcela e imparare da queste situazioni



I sogni possono simulare eventi minacciosi e permetterci di prova diverse risposte . Essere esposti a minacce mentre si dorme in sicurezza può ridurre le nostre paure e consentire l'accesso ad altre aree del cervello importanti per la creatività e il processo decisionale. Questa idea è supportata da ricerche che dimostrano che è più probabile che affrontiamo situazioni minacciose nel nostro sogni che evitarli .



Incubi e disturbo da stress post-traumatico

Incubi sono un'esperienza abbastanza comune, con tra 4 e 10% della popolazione avere incubi settimanali. Dopo aver vissuto un evento traumatico, gli incubi sono ancora più comuni. Ricevi le ultime informazioni sul sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di gov-civil-aveiro.pt.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nella nostra politica sulla privacy.

Gli incubi possono essere un'espressione intensa del corpo che lavora attraverso esperienze traumatiche, così intense che l'incubo fa svegliare il dormiente. Gli incubi possono anche rappresentare una rottura nella capacità del corpo di elaborare il trauma. Fortunatamente, per la maggior parte delle persone gli incubi legati al trauma regrediscono dopo poche settimane o mesi.

Durante un evento spaventoso, la risposta del corpo di lotta-fuga-congelamento viene attivata per proteggerci dai danni. Diventiamo ipersensibili al pericolo poiché il corpo rilascia ormoni dello stress, le nostre pupille si dilatano e la nostra frequenza cardiaca aumenta. Dopo aver avuto il tempo di elaborare un'esperienza traumatica, questo sistema di allarme di solito si calma e torna al normale funzionamento.



Gli incubi a lungo termine e ripetitivi sono collegati alle difficoltà nel ridurre la risposta di paura del cervello combinate con ipereccitazione cronica . La risposta lotta-fuga-congelamento può rimanere attivata molto tempo dopo che un'esperienza traumatica è terminata.

Sebbene non tutte le persone che hanno incubi ripetitivi siano diagnosticate con un disturbo di salute mentale, questi incubi sono un'esperienza comune nelle persone con diagnosi di disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Si pensa che meno di 10% delle vittime di traumi sviluppano PTSD.

Il PTSD è un disturbo che si sviluppa in seguito a a evento traumatico . Le persone a cui è stato diagnosticato questo disturbo hanno ricordi ricorrenti e involontari dell'evento, che possono manifestarsi durante il giorno (ad esempio flashback) o durante il sonno (incubi). Le persone con disturbo da stress post-traumatico spesso evitano sia i ricordi esterni (persone, luoghi, attività) che i ricordi, i pensieri o i sentimenti interni sull'evento. Le persone intorno a loro possono notare cambiamenti di umore man mano che diventano più facilmente allarmati e iperconsapevoli del potenziale pericolo.

Gli incubi possono causare traumi?

Lettura correlata

  • uomo che cammina nel parco con il suo cane
  • dottore che parla al paziente
  • donna che sembra stanca

Sogni vividi o svegliarsi con chiari ricordi di incubi può essere un'esperienza inquietante. Mentre l'ipotesi che gli incubi possano causare traumi potrebbe non essere oggetto di una quantità significativa di ricerche, la risposta a questa domanda potrebbe dipendere dal modo in cui viene definito il trauma.

Quali esperienze sono considerate traumatiche ha cambiato nel tempo . All'inizio, si pensava che il trauma fosse possibile solo quando qualcuno era sveglio e gli psicologi riservavano questa etichetta per eventi che cadevano al di fuori della gamma delle normali esperienze umane. Definizioni successive hanno ampliato la definizione di trauma, riconoscendo le molteplici fonti di esperienze traumatiche e l'effetto dei traumi cumulativi.

Attualmente, il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5) indica che il trauma può essere vissuto sia direttamente che indirettamente. Ciò significa che non dobbiamo sperimentare qualcosa in prima persona per sviluppare un trauma. Ad esempio, insegnanti, consulenti e psicologi possono sviluppare un trauma secondario o vicario sentendo ripetutamente parlare dei traumi vissuti da coloro che servono. Se il trauma indiretto possa derivare dai sogni può essere ancora una domanda aperta.

Se gli incubi possono causare traumi può dipendere anche dalla cultura di una persona. Storicamente, le teorie dei sogni occidentali si concentrano su come la vita da svegli influenzi il contenuto dei sogni. In altre culture, incluse diverse Tradizioni dei nativi americani , c'è meno distinzione tra il mondo onirico e quello della veglia e i sogni possono influenzare significativamente la vita da svegli. I sogni hanno potenti connotazioni spirituali in molte tradizioni culturali, quindi è certamente possibile che i sogni possano essere un'esperienza traumatica per molti.

Trattamento per gli incubi

Dopo un'esperienza traumatica, molte persone vogliono dimenticare quello che è successo e andare avanti. Sfortunatamente, cercare di dimenticare o sopprimere pensieri e sentimenti può creare problemi legati al trauma incubi più frequenti .

Una parte essenziale dell'affrontare un trauma è sapere quando chiedere aiuto. Medici, consulenti e terapisti sono formati nel trattamento degli incubi e di altre conseguenze di un evento traumatico.

Avere incubi e difficoltà a dormire sono esperienze normali dopo crisi e traumi e molte persone si riprendono dai sogni legati al trauma senza trattamento. Per altri, questi problemi possono sollevare preoccupazioni per lo sviluppo di una condizione più grave come il disturbo da stress post-traumatico.

Mentre ci sono alcuni farmaci che possono aiutare con gli incubi cronici, molti esperti raccomandano di iniziare con una psicoterapia o una consulenza focalizzata sul trauma. Le terapie per gli incubi ripetitivi possono comportare la desensibilizzazione e la terapia dell'esposizione, la terapia di ripetizione delle immagini (IRT) o sogno lucido .

  • Terapie di desensibilizzazione ed esposizione: Questi approcci utilizzano l'esposizione controllata a pensieri e ricordi paurosi al fine di ridurre le reazioni emotive. Le tecniche di rilassamento vengono spesso insegnate per fornire strumenti per calmarsi durante e dopo l'esposizione.
  • Terapia di prova delle immagini (IRT) : IRT implica scrivere un incubo e trasformarlo in una storia o in una sceneggiatura. La storia viene quindi riscritta in modo da risolvere il dilemma o la crisi e questa nuova storia può essere letta prima di andare a dormire.
  • Sogno lucido: Questo approccio al trattamento degli incubi implica l'esplorazione di modi per acquisire consapevolezza di quando una persona sta sognando. Una volta che una persona è in grado di capire quando sta sognando, potrebbe essere in grado di migliorare o risolvere gli eventi all'interno dei propri sogni.

Igiene del sonno dopo un trauma

Oltre a cercare un supporto professionale quando si affrontano gli effetti del trauma, può essere utile prendere in considerazione strategie per sostenere la salute igiene del sonno .

  • Ricorda che i sintomi possono essere normali: Subito dopo aver avuto un'esperienza traumatica, è normale avere difficoltà a dormire. Sii gentile con te stesso e ricorda che il tuo corpo sta cercando di elaborare e far fronte all'evento.
  • Mantieni la tua solita routine del sonno: Sonno e routine vanno di pari passo. Dopo un trauma può essere allettante ritirarsi o cambiare le nostre normali attività quotidiane. Cerca di mantenere la tua solita routine del sonno per dare al tuo corpo le migliori possibilità per una notte riposante.
  • Rilassati prima di dormire:Invece di cercare di costringerti ad addormentarti, concentrati sulla ricerca di modi per calmare la mente e il corpo prima di andare a letto. Spegni i dispositivi elettronici e prova alcuni metodi di rilassamento che potrebbero aiutarti ad addormentarti.
  • Se non riesci a dormire, non restare a letto: Stare a letto quando non riesci a dormire può creare un'associazione inutile tra il letto e l'insonnia. Se ti ritrovi sveglio per più di 20 minuti, prova ad alzarti dal letto e a fare qualcosa di rilassante, come leggere un libro o ascoltare musica dolce.

L'esperienza di un trauma può aumentare il rischio di una moltitudine di problemi di salute mentale e fisica, incluso il suicidio. Se tu o qualcuno che conosci siete in crisi, la National Suicide Prevention Lifeline fornisce supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, gratuito e riservato.

Linea di vita nazionale per la prevenzione del suicidio

1-800-273-8255

  • questo articolo è stato utile?
  • No
  • Riferimenti

    +13 fonti
    1. 1. Greenberg, R., Pearlman, C.A., & Gampel, D. (1972). Nevrosi di guerra e funzione adattativa del sonno REM. La rivista britannica di psicologia medica, 45 (1), 27-33. https://doi.org/10.1111/j.2044-8341.1972.tb01416.x
    2. 2. Nielsen, T., & Levin, R. (2007). Incubi: un nuovo modello neurocognitivo. Recensioni sulla medicina del sonno, 11(4), 295-310. https://doi.org/10.1016/j.smrv.2007.03.004
    3. 3. Perogamvros, L., Dang-Vu, T. T., Desseilles, M. e Schwartz, S. (2013). Dormire e sognare sono questioni importanti. Frontiere in psicologia, 4, 474. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2013.00474
    4. Quattro. Scarpelli, S., Bartolacci, C., D'Atri, A., Gorgoni, M., & De Gennaro, L. (2019). Il ruolo funzionale del sogno nei processi emotivi. Frontiere in psicologia, 10, 459. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2019.00459
    5. 5. Revonsuo A. (2000). La reinterpretazione dei sogni: un'ipotesi evolutiva della funzione del sognare. Le scienze comportamentali e del cervello, 23(6), 877-1121. https://doi.org/10.1017/s0140525x00004015
    6. 6. Malcolm-Smith, S., Koopowitz, S., Pantelis, E., & Solms, M. (2012). Approccio/evitamento nei sogni. Coscienza e cognizione, 21(1), 408-412. https://doi.org/10.1016/j.concog.2011.11.004
    7. 7. Levin, R., & Nielsen, T. A. (2007). Sogno disturbato, disturbo da stress post-traumatico e disagio affettivo: una revisione e un modello neurocognitivo. Bollettino psicologico, 133(3), 482-528. https://doi.org/10.1037/0033-2909.133.3.482
    8. 8. Gieselmann, A., Ait Aoudia, M., Carr, M., Germain, A., Gorzka, R., Holzinger, B., Kleim, B., Cracovia, B., Kunze, AE, Lancee, J., Nadorff, MR, Nielsen, T., Riemann, D., Sandahl, H., Schlarb, AA, Schmid, C., Schredl, M., Spoormaker, VI, Steil, R., van Schagen, AM, … Pietrowsky, R. (2019). Eziologia e trattamento del disturbo da incubo: stato dell'arte e prospettive future. Giornale di ricerca sul sonno, 28(4), e12820. https://doi.org/10.1111/jsr.12820
    9. 9. Breslavia N. (2009). L'epidemiologia del trauma, del disturbo post traumatico da stress e di altri disturbi post-traumatici. Trauma, violenza e abuso, 10(3), 198-210. https://doi.org/10.1177/1524838009334448
    10. 10. Associazione Psichiatrica Americana. (2013). Disturbo post traumatico da stress. In Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (5a ed.). https://doi.org/10.1176/appi.books.9780890425596
    11. undici. Maggio, C. L. e Wisco, B. E. (2016). Definire il trauma: come il livello di esposizione e vicinanza influenzano il rischio di disturbo da stress post-traumatico. Trauma psicologico: teoria, ricerca, pratica e politica, 8 (2), 233-240. https://doi.org/10.1037/tra0000077
    12. 12. Krippner, S., & Thompson, A. (1996). Un modello a 10 sfaccettature del sogno applicato alle pratiche oniriche di sedici gruppi culturali nativi americani. Sognando, 6(2), 71–96. https://doi.org/10.1037/h0094448
    13. 13. Wegner, D.M., Wenzlaff, R.M., & Kozak, M. (2004). Rimbalzo onirico: il ritorno dei pensieri repressi nei sogni. Scienze psicologiche, 15(4), 232-236. https://doi.org/10.1111/j.0963-7214.2004.0657.x

Articoli Interessanti